App Agea
Anticipi PAC 2016
Riforma PAC 2014 - 2020
Comunicati Stampa
Articoli stampa di AGEA
Sportello
Organismi pagatori
AGEA-organismo pagatore
Operazione Trasparenza
Link esterno alla SIN - Sistema Informativo Nazionale per lo Sviluppo dell'agricoltura
Link esterno AGECONTROL - Agenzia pubblica per i controlli in agricoltura

Data ultimo Aggiornamento 04/10/2013 - Collegata
Vitivinicolo

Nell'ambito della nuova organizzazione comune del mercato vitivinicolo, la normativa comunitaria prevede l'assegnazione dei seguenti aiuti e sostegni:

  • aiuto per la distillazione dell'alcool per uso industriale (fecce e vinacce)
  • aiuto per la distillazione dell'alcool per uso commestibile (vino)
  • aiuto per la distillazione di crisi
  • aiuto per l'arricchimento del vino
  • sostegni alla ristrutturazione e riconversione dei vigneti
  • vendemmia verde
  • assicurazione del raccolto
  • promozione sui mercati dei Paesi Terzi
DISTILLAZIONE DELL'ALCOOL PER USO INDUSTRIALE (fecce e vinacce):

La normativa comunitaria (Reg. CE 491/2009 e Reg.. CE 555/2008) prevede l'assegnazione di un aiuto accoppiato per la produzione di alcol grezzo ricavato attraverso la distillazione dei residui inquinanti (fecce e vinacce) dei processi di vinificazione. La distillazione di tali residui è obbligatoria per tutti i produttori.

Beneficiari:

possono chiedere di essere ammessi a tale regime soltanto i distillatori riconosciuti.

Importo:

viene calcolato moltiplicando gli ettanidri di distillato prodotto per importo unitario stabilito direttamente dalla Commissione Europea che varia a seconda della materia prima distillata. Precisamente l'importo è pari ad euro 1,100 se l'alcool proviene da vinacce ed a euro 0,500 se ottenuto da feccia.

Domanda:

deve essere presentata all'Organismo Pagatore entro il 20 giugno di ogni anno e deve essere corredata da un riepilogo delle consegne delle fecce e delle vinacce utilizzate per produrre il quantitativo di alcol per il quale si chiede l'aiuto. L'ammissione all'aiuto è comunque vincolata anche dalla presenza dei verbali relativi ai controlli che gli uffici della Agenzia delle Dogane effettuano per verificare la quantità di alcol prodotta e la sua gradazione alcolica. Tali verbali sono trasmessi all'Organismo Pagatore direttamente dagli uffici doganali. Da ultimo occorre fornire la prova della corretta utilizzazione dell'alcol agli usi prescritti.

Pagamento:

è effettuato dall'Organismo Pagatore AGEA, esclusivamente attraverso accreditamento su conto corrente bancario, entro il 15 ottobre di ogni anno con riferimento alla campagna precedente.

Anticipo:

i beneficiari possono chiedere all'Organismo Pagatore l'anticipazione totale dell'aiuto spettante.

 
DISTILLAZIONE DELL'ALCOL PER USI COMMESTIBILI : (vino)

La normativa comunitaria (Reg. CE 491/2009 e Reg. CE 555/2008) prevede l'assegnazione di un aiuto accoppiato per la produzione di alcol ricavato dalla distillazione del vino.

Beneficiari:
possono chiedere di essere ammessi all'aiuto i produttori di vino in regola con lo schedario vitivinicolo e le dichiarazioni vitivinicole.
La domanda deve essere presentata entro il 30 maggio di ciascuna campagna esclusivamente in modalità telematica (tramite i CAA od in proprio mediante accesso al portale SIAN).

Requisiti:
per ottenere l'aiuto occorre che i beneficiari (produttori di vino) siano in possesso di un contratto di compravendita di vino sottoscritto con la controparte (distillatore).
Il produttore (venditore di vino), a sua volta, è obbligato a prestare una garanzia all'Organismo Pagatore (fidejussione o polizza fideiussoria) di 2 euro per ogni ettolitro di vino oggetto del contratto di cui sopra a garanzia della consegna del vino in distilleria.

Importo:
viene calcolato tenuto contro degli stanziamenti previsti per ciascuna Regione italiana moltiplicando gli ettani di vigneto dal quale è stato ottenuto vino oggetto di contratto moltiplicato l'importo unitario stabilito dai citati regolamenti per le varie annualità 2009, 2010, 2011 e 2012.

Pagamenti:
viene effettuato dall'Organismo Pagatore AGEA, esclusivamente attraverso accreditamento su conto corrente bancario, entro il 15 ottobre di ciascun anno per la campagna di riferimento dell'anno precedente, ovvero anche in via anticipata dietro presentazione di polizza fideiussoria pari al 120% dell'aiuto richiesto.

AIUTO PER L'ARRICCHIMENTO DEL VINO:

La normativa comunitaria prevede l'assegnazione di un aiuto accoppiato per le operazioni di aumento della gradazione alcolica del vino mediante l'utilizzo di mosti, mosti concentrati e mosti concentrati rettificati.

Beneficiari:
sono i produttori di vino in regola con lo schedario vitivinicolo e le dichiarazioni vitivinicole e che abbiano ottemperato alle condizioni previste per la pratica di arricchimento.

Importo:
viene calcolato tenuto conto degli stanziamenti previsti dal MIPAAF per ciascuna Regione italiana, e si ottiene moltiplicando il monte gradi per l'importo unitario, stabilito dalla Commissione Europea, relativo al prodotto usato per l'arricchimento (MC e MCR).

Domanda:
deve essere presentata in modalità telematica (tramite i CAA, o in proprio tramite accesso al portale SIAN) all'Organismo Pagatore entro il 31 gennaio di ogni anno.

Pagamenti:
sono effettuati dall'Organismo Pagatore competente per Regione (Toscana OP ARTEA; Veneto OP AVEPA e tutte le altre Regioni OP AGEA), esclusivamente attraverso accreditamento su conto corrente bancario entro il 16 giugno di ogni anno.

 
Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0